Carissimi   amici   sono   tornata.   Rinfrancata   dal   sole   e   dall’aria   marina   riprendo   la   vita   di   sempre   sorridendo   a   chi   mi   sta   accanto   e   al   mondo   che   sempre   mi   stupisce.   Questa   vacanza,   alla   quale   ha   partecipato   anche   mia   madre   con   quello   sprint   che   sempre   la   caratterizza   pur   alla   veneranda   età   degli   85   anni,   è   stata   come   sempre   molto   piacevole.   Vi   racconterò   qualcosa   più   in   là,   ma   ora   voglio   lasciarvi   con   queste   parole   che   un   giovane   soldato   della   prima   guerra   mondiale   ha   scritto,   ricordando   che   100   sono   gli   anni   passati   da   quello   che   drammaticamente   fu   un   periodo   per   tutti   coloro   che   lo   vissero,   decisamente   buio.   La   sua   lettura   coincise   per   me,   fatalità,   con   il   rientro   in   patria   di   quei   poveri   resti   di   cui   parlo   dopo.   Il   post   è   quindi   antecedente  alla   mia   partenza,   ma   non   l’ho   voluto   modificare.   A   voi   la   lettura   se   vi   va.   Auguro   buone   vacanze   a   chi   parte   ora.   Il   sedici   festeggerò   in   famiglia   il   mio   compleanno,   poi   tutto   piano   piano   riprenderà   il   suo   corso  (   si   spera ).  Un   abbraccio   a   tutti   e   disfatti   i   ” bauli”   (   scherzo   eh… )  tornerò   a   leggervi.   La   vostra   Isabella

 

 

”Caro padre, sono qui in trincea da più di un mese, credo. Ho perso la condizione del tempo. Non ricordo più nemmeno il giorno in cui vi ho lasciato. Siamo partiti in tanti e c’erano anche i miei amici. Sono giorni che non li vedo e credo che abbiamo cessato di combattere. Come sta vostra moglie? Mi manca tanto anche lei, la sua voce, il suo profumo, la sua cucina. Con molta fatica siamo riusciti a scavare la trincea e a circondarla di filo spinato. Fin dall’alba si sentono suoni acuti, rimbombanti, forti che sogno anche la notte. Delle volte mi è capitato che, mentre stavo dormendo, mi svegliavo di soprassalto, credendo che avessero sparato o lanciato qualcosa. Come vi ho già detto, padre, le condizioni di vita sono molto dure: spesso siamo costretti a camminare nelle trincee con l’acqua che arriva fin sopra la vita. Il clima è rigido, con qualche fiocco di neve, sono poche le volte che ho visto la luce del sole. Quanto vorrei poter essere adesso vicino a voi, come quando ero bambino. Ricordate? Quando la madre mi stringeva al petto dicendomi che sarei diventato forte e coraggioso. Quando giocavo insieme ai miei fratelli a nascondino con la gonna della nonna. Bei tempi! Non avrei mai pensato di poter finir qui, sul fronte, a combattere per la patria, per completare l’Italia e per sentir la soddisfazione di dire: SI sono italiano e ho combattuto per la mia nazione e proprio come direbbe Manzoni: Oh dolente per sempre colui che da lunge, dal labbro d’altrui, come un uomo straniero, le udrà! Che a’ suoi figli narrandole un giorno dovrà dir sospirando: io non c’era. Ma accanto a questo mio incoraggiamento positivo ce n’è uno negativo che mi fa sentire un codardo, un traditore, un topo in cerca di un nascondiglio per non essere trovato. Ho paura che la morte mi prenda e mi trascini con sé. Non voglio. Mi sento colpevole, ma non so di cosa. Non sto in pace con me stesso. Mi basterebbe vedere il vostro volto, padre, per trovare un po’ di forza e di fiducia. Tristemente devo lasciarvi, il generale Cadorna ci chiama. Un abbraccio.

Vostro figlio

 

Una   lettera   che   mi   commuove   sempre   leggere   quando   mi   capita   sottomano.  Come   mi   ha   commosso   il   rientro   qui   in   Italia   dei   resti   di   cento   nostri   soldati   morti   nella   campagna   di   Russia,  durante   la   seconda   guerra   mondiale.   Penso   ai   loro   familiari   e   alla   loro   gioia   per   averli   finalmente   riportati   a   casa.   E   mi   ha   colpito   il   fatto   che   uno   di   loro,   metterà   per   una   notte,  l’urna   con   i   resti   del   fratello ,  nella   camera   dove   dormiva   e   dove   è   morta,   la   loro   madre.   Bellissimo.   Ora   i   resti   di   questi   poveri   caduti ,  di   cui   solo  sei   sono   stati   riconosciuti,  riposeranno   per   sempre   nel   Tempio   di   Cargnacco,   in   Friuli.    A   loro   va   il   mio   pensiero   e   una   preghiera.

 

Questo   invece   un   mio   piccolo   racconto :

La   bandiera

 

galatea.ch

Partì   in   un   giorno   lontano,   trovandosi   catapultato   in   una   guerra   che   mai   avrebbe   pensato   di   dover   sperimentare.    Era   giovane,   con   tanti   sogni   in   testa…

Lì,   al   fronte,   non   c’era   tempo   per   sognare.   Avevano   sin   da   subito,   lui   e   i   compagni,   dovuto   scavare    per   preparare   la   trincea ,   delimitandola   col   filo   spinato.    Pioveva   e   faceva   un   freddo   cane.    I   pastrani   che   indossavano ,  non   riparavano   molto   bene   dal   gelo    che   sentivano   penetrare   nelle   ossa   sempre   di   più,   mentre    cominciava   anche   a   nevicare .    Si   sentivano   in   lontananza    tuonare   i   cannoni,    rimbombi   assordanti   che   facevano   tremare.    Le   mani   erano   quasi   congelate   ma   dovevano   finire   il   lavoro,   e   ognuno   di   loro   non   si   risparmiava,   anzi   al   contrario   di   quello   che   si   potesse   credere,   tutti   davano   il   massimo.    Camminavano   con   l’acqua   che   arrivava   alla   vita,   con   fatica ,  per   fermarsi   solo,   per   fumare   una   sigaretta.   E   in   quel   momento   di   pausa,    succedeva,   stranamente,   che   il   ricordo   di   lei   si   facesse   più   vivo.   E   allora   si   metteva   a  pensare  :   ”   Al   diavolo   questa   guerra,   al   diavolo   il   tenente,   al   diavolo   tutti.     Voglio   tornare   a   casa,   riprenderla   tra   le   mie   braccia.   Perché   stare   qui   a   marcire,   al   freddo,   una   volta   sotto   la   pioggia  battente ,   un’altra   sotto   la   neve.   Perché  ,   per   chi,   per   che   cosa   combattere  ?  ”

Tirò   un   calcio   per   stizza,   andando   col   piede,   ad   urtare   qualcosa.    Si   fece   male.   Guardò   cosa   ci   fosse   lì,   e   trasalì.   Era   una   bandiera   italiana  .   La   guardò ,  e   una   lacrima   sentì   bagnare   la   sua   guancia.   Sentì   all’ improvviso     di   portare   un   grande   rispetto,   per   quel   simbolo   che   rappresentava   lui   e   tutti   i   suoi   compagni.   Fu   orgoglioso   di   sentirsi   italiano.   E   di   colpo,   tutte   le   sue   paure,   i   suoi   dubbi,   crollarono.   Era   pronto ,   per   amor   di   patria ,   a   combattere   fino   alla   fine.

Isabella  Scotti   marzo   2018

testo  :  copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633