foto   di   Andrea   in   un   cortile   di   Cordoba

 

E’   silenziosa

questa   sera.

Mentre   noi

vaghiamo   soli,

perdendoci

in   vie   strette,

allungando   

il   passo,

e   ritrovandoci

tra   case

dalle   finestre   chiuse,

misteriosamente

mute.

Case,

che   illuminate   solo

dalla   luce   fioca

dei   lampioni,

assumono

un’aria  

quasi   sinistra,

tetra.

E’   di   giorno,

che   di   colpo,

i   colori   si   accendono

insieme

alla   luce   del   sole.

E   le   case,

prima   anonime,

come   per   magia

s’  illuminano   

di   bianco,    di   giallo,

si   tingono   del   verde

delle   foglie

che   fanno   ombra.

Cortili

ricchi   di   piante,

di   limoni   ed   arance,

acqua   fresca  

di   fontane,

palme

che   si   alzano   erette,

slanciate.

L’  antica   città

di   Cordoba

si   sveglia,

viva,   colorata,   affascinante.

 

Isabella   Scotti   giugno   2018

testo   :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Ai   piedi   della   Sierra   Morena,   divisa   in   due   parti   dal   corso   del   Guadalquivir,   si   estende   la   provincia   di   Cordoba:   il   fiume   separa   la   zona   montuosa,   a   nord   dalla   Campina, (  in   spagnolo   con   accento   sarebbe   Campigna,   ma   io   non   lo   so   mettere,   perdonatemi ),   a   sud   da   una   zona   collinare   con   campi   fertili.   Fulcro   della   regione   è   il   suo   capoluogo,   un   tempo   celebre   come   residenza   del   califfato   e   mecca   delle   scienze,   vera   e   propria   metropoli   dell’  Islam   accanto   a   Baghdad.   La   poetessa   tedesca   Roswitha   von   Gandersheim   lodò   nel   X   secolo   come   ”   ornamento   del   mondo  ”    la   città   di   Cordoba,   il   cui   centro   era   all’epoca   formato   dalla   Medina   con   la   grande   moschea.   Ancor   oggi   passeggiando   per   le   vie   della   citta   moresca   se   ne   avverte   l’importanza,   anche   se   con   i   suoi   300.000   abitanti   potrebbe   sembrare  provinciale   vicino   alle   altre   due   celebri   città   andaluse   Siviglia   e   Granada.     Del   passato   glorioso   non   molto   è   stato   conservato,   ma   i   pochi   resti   ne   testimoniano   la   grandezza.   La   sua   storia   ha   inizio   con   i   Fenici,   sotto   il   cui   dominio   la   città   avrebbe   assunto   notevole   importanza   economica.   All’incirca   a   partire   dal   200   a. C   passò   sotto   il   dominio   romano,   e   con   Augusto   Corduba   venne   nominata  capoluogo   della   provincia   romana   della   Baetica,   fino   a   quando   fu   soppiantata   da   Hispalis  (   Siviglia  ),  nel   IV   secolo.   Qui   nacquero   celebri   poeti   e   filosofi   romani,   come   Seneca   e   Lucano.   Dopo   essere   stata   conquistata   dai   Visigoti,   nel   VI   secolo,   la   città   divenne   sede   vescovile,   ma   il   periodo   più   fiorente   fu   quello   di   quando   Abd   ar-   Rahman   la   tramutò   in   capitale   del   suo   emirato   nel   756.   Non   solo   vi   portò   melograni  e   palme   da   dattero,   ma   pose  anche   la   prima   pietra   per   lo   splendido   sviluppo   dell’  architettura   e   dell’arte   araba.   Con   lui   Cordoba   divenne   la   città   più   importante   del   mediterraneo,   con   più   di   300   moschee,   300   bagni   pubblici,   50   ospedali,   80   scuole,   e   20   biblioteche   pubbliche,   17   scuole   superiori.   Purtroppo   la   caduta   del   califfato   portò   con   sé   anche   il   crollo   della   metropoli.   Nel   1013   truppe   berbere   distrussero   la   sfarzosa   città   reale   di   Medina   az-   Zahara   e  nel   1031   Cordoba   divenne   la   sede   di   uno   dei   numerosi   regni   Taifa.   Nel   XII  secolo   visse   ancora  un   periodo   di   fioritura   spirituale   –   i   filosofi   Maimonide   e   Averroè   sono   sicuramente   i   più   celebri   dell’epoca,   fino   a   quando   nel   1236   con   Ferdinando   III,   in   città   entrò   un   reggente   cristiano.   Con   la   riconquista   della   citta’,   ci   fu   una   massiccia   immigrazione   dal   Nord   castigliano,   e   Cordoba   divenne   un   importante  centro   per   il   commercio  di   sete   e   tessuti   di   cotone.   La   cacciata   però   delle   popolazioni   more   ed   ebree,   la   crisi   economica   del   XVI   secolo,   l’ epidemia   di   peste   e   le   rivolte   del   XVII   secolo  contribuirono   ben   presto    ad   offuscare  l’ antico   splendore   di   Cordoba   .   Ma   anche   ciò   che   oggi   si   può   osservare,  resti compresi,  è  di   notevole   bellezza.   Come   per   la   Medina   az-   Zahar   ad   8   km   circa   da   Cordoba.   Per   quasi   quarant’anni   artisti   e   artigiani   vi   lavorarono   per   edificare,   a   partire   dal   936,   la   città   palazzo   su   un’ area   di   750   x   1500   m   .   Per   la   costruzione   furono   impiegate   ingenti   somme   di   denaro,   si   parla   forse   di   1,8   milioni   di   monete   d’oro.   Il   califfo   Abd  ar-   Rahmam   III   volle   che   fossero   costruite   4313   colonne,   di   cui   140   provenienti   da   Costantinopoli   e   12   sculture   d’oro   incrostate   di   perle   per   la   camera   da   letto.   Il   figlio   al-Hakam   fu   incaricato   della   sorveglianza   dei   lavori;   alla   morte   del   padre   ampliò   il   nuovo   centro   residenziale   ed   amministrativo.   Quattro   anni   dopo   la   consacrazione   della   moschea,   avvenuta   nel   941,   l’intera   corte   con   tutti   gli   uffici,   si   trasferì   nella   nuova   città- palazzo,   ma   già   agli   inizi   dell’ XI   secolo,   le   truppe   berbere   insorte   ridussero  Medina   az-   Zahar   ad   un   ammasso   di   rovine,   dopodiché   esse   furono   tramutate   in   una   cava   di   pietre   e   ulteriormente   spogliate.   Tanto   per   gradire.

dal   libro   Arte    e   architettura   –   Andalusia   –   Brigitte   Hintzen-   Bohlen

foto   di   Andrea

La  poesia   che   ho   scritto   su   questa   città   l’ho   scritta   nel   2011   quando,   tornato   da   questo   viaggio ,  Andrea   ce   ne   parlò.   Non   l’ ho   mai   visitata.