Les   amis   sont   comme   les   anges,

on   n’a   pas   besoin   de   les   voir

pour   sentir   leur   présence…

 

Gli   amici   sono   come   gli   angeli,   non   c’è   bisogno   di   vederli   per   avvertire   la   loro   presenza.

 

In   effetti   voi   siete   stati   con   me,   nel   mio   cuore   ed   io   nel   vostro,   non   è   così   forse  ?

Sono   tornata.    Datemi   qualche   giorno .    Per   domani ,   buona   domenica   a   tutti.   A   presto.

La   vostra   Isabella

 

 

 

 

Chissà   dov’eri,

in   che   nascosta   dimensione

ti   trovavi,

quando   immerso

in   quel   sonno

profondo,

eri   così   lontano

persino   dai   sussurri,

dalle   parole   dolci,

che   papà   e   mamma

ti   rivolgevano.

Chissà   dov’eri

dove   vagavi

col   tuo   pensiero,

quando   degli   stolti,

stupidi   idioti,

parlavano

della   tua

” futile ”   vita,

ignorando

un   concetto   basilare,

che   la   vita

di   ognuno

è   sacra,

ancor   più

lo   è

quella    del   proprio   bimbo

per   un   genitore.

Ancor   più  quando

una   malattia   rara

isola   quel   bimbo

relegandolo

in   un   angolo   nascosto,

irraggiungibile

da   padre   e   madre.

E   quando

hai   deciso

di   spiccare   il   volo,

hai   scelto,

tu,   piccolo   batuffolo,

un   batuffolo   più   grande,

un   giaciglio   morbido,

una   nuvola   bianca,

su   cui   stare   comodo,

e   ad   occhi   aperti

finalmente,

angelo   del   cielo,

curiosare   un   po’

di   quel   mondo

che   non   è   riuscito

a   trattenerti.

Caro   Alfie,

hai   lottato

come   un   leone

per   rimanere

attaccato

alla   vita,

quando   le   macchine

non   ti   aiutavano   più

ed   eri   solo

a   combattere

per    non   lasciarla

andare…

Il   tuo   esempio

di   forza

va   al   di   là

di   ogni   pensiero,

un   mistero   immenso

sono   quegli   attimi

in   cui   tu   hai   reagito

e   ”  respirato  ”   la   vita…

Fragilità   e   forza

non   antitesi

ma   unione,

questo

hai   dimostrato :

che   ogni   esistenza   umana

ha   la   sua   dignità,

fin   dal   concepimento,

in   qualunque   circostanza.

 

Isabella  Scotti    maggio   2018

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633