Ed   anche   questa   è   fatta.   Siamo   rientrati.    Ferie   terminate   e   si   sa,   quando   finiscono   è   un   peccato.     Ma   non   sono   triste   per   essere   rientrata.

In   realtà   non   m’interessa.   Perché   ho   in   mente   solo   una   cosa   :   Barcellona.

Il   mio   rientro   è   turbato   da   questa   orribile   notizia.    Fu   così   anche   per   Nizza.   Lì   anzi   potevamo   esserci  ,   ricordate?   Una   fortuna   rientrare   prima.

Non   ci   sono   parole   per   dire   come   mi   sento.   Odio   sentir   parlare   di   ” radicalizzazione  ” ,   una   parola   diventata   quotidiana,   quasi   fosse   naturale   aggiungerla   al   linguaggio   comune.   E   invece   non   lo   è   affatto   perché   indica   stortura,   malattia   mentale,   isolamento,   incapacità   di   rapportarsi   ad   un   mondo   che   anche   se   diverso   dal   proprio,   non   sarebbe   poi   così   tragico   rispettare.   Ma   le   logiche   di   morte   sembrano   oggi   affascinare   molto   di   più   che   le   logiche   di   una   vita   vissuta   degnamente.   Persone   innocenti   falciate   senza   distinzione   tra   uomini,   donne,   bambini.   Anzi   le   donne,   vedi   in   Finlandia,   son   diventate   nuovi   mirati   obiettivi.   Non   mi   piacciono   più   le   solite   parole   che   puntualmente   si   ripetono   :   ”innalzeremo   i   livelli   di   guardia,   ci   saranno   più   controlli   ect.   ect .   ”   Voglio   seriamente   un   cambio   di   rotta.   Non   mi   piace   la   retorica   di   sempre,   e   certo   buonismo   sciocco   che   ha   impedito   di   prendere   seri   provvedimenti   a   riguardo.   Non   voglio   aspettare   di   vedere   Roma,   la   nostra   bella   Roma,   cadere   colpita   da   un   odio   senza   senso.   Voglio   sperare   in   una   maggiore   consapevolezza   su   ciò   che   stiamo   vivendo,   ed   auspico   una   maggiore   cooperazione   tra   stati,   intelligence e   chiunque    abbia   la   volontà   e   la   capacità   di   intervenire   per   arginare   tutta   questa   violenza. Basta   con   le   considerazioni   in   televisione.   Basta   con   gli   approfondimenti   continui,   le   inchieste   di   chi   frequentavano   gli   attentatori,   la   vita   che   conducevano   prima   di   ”   radicalizzarsi”.   Basta,   a   me   tutto   ciò   non   interessa.   Voglio   fatti   concreti.   Basta   vedere   sull’asfalto   altri   morti   innocenti.

Scusate   il   mio   sfogo,   ed   ora

l’ unica   cosa   che   voglio   e   debbo   dirvi   è   questa  :

 

Carissimi,

son   passati   gli   anni.   Ed   uno   in   più ,   in   questi   giorni,   precisamente   il   16   agosto,       si  è   aggiunto   agli   altri.   Conto   quanti   sono.
Il   numero   al   quale   arrivo   e   mi   fermo, non   lascia   scampo.   Sono   tanti.   Eppure   addosso,    tranne   che   per   qualche   doloretto   sparso   qua   e   là,   non   li   sento.
Forse   è   arrivarci   con   la   serenità   dentro   che   aiuta,   anche   se   oggi   avverto   che   in   giro   ce   n’è   poca…    Chissà.   Comunque  a   volte   inciampare   è   umano…
L’importante   è   mantenere   quel   sorriso   che   offro   a   tutti   voi,   amici   cari,   ringraziandovi   di   cuore   per   gli   auguri   ricevuti  ,   per   un   oggi   ed   ancor   più   un   domani    che   sia   ricco   d’amore   e   di   bene   fraterno.

La   vostra   Isabella

 

Risultato immagine per gif animate