Ieri   sera ,  su   Rai   storia ,    ho   guardato   la   puntata   che  verteva   sulla   figura   di   Gheddafi.   Bè,   al   di   là   dei   giudizi   politici   e   non,   sulla   figura   di   quest’uomo,   ricordo   che   all’epoca   rimasi   molto   colpita   dal   modo   in   cui   barbaramente,   perfino   sodomizzato   con   un   bastone,   fu   ucciso.

Così   scrissi   una   cosa   che   oggi   voglio   mettere   qui,  visto   che  mi   è   tornata   in   mente.   Auguro   a   tutti   voi   una   splendida   giornata   cari   amici.   Con   simpatia   la   vostra   Isabella

Fine   di   un   potente

(  Gheddafi  )

Sangue   chiama   sangue.

Gli   uomini   oggi

non   sono   diversi

da   quelli   del   medioevo.

Scene   raccapriccianti

di   un   odio   sopito

esploso   improvviso,

urla   senza   senso  ,

”  belve ”  inferocite

che   cercano   il   sangue

come   fonte   vitale

alla   quale   dissetarsi…

Nulla   è   cambiato

in   questo   strano   mondo,

tutto   si   ripete.

Violenza   si   somma

a   violenza,

ed   è   orrore,

bestialità,

disprezzo   della   vita.

Isabella  Scotti

Ed   ora   per   alleggerire   un   pò   l’atmosfera   fatta   di   abbandoni, di   tristezza  (   ho   scritto   una poesia   con   questo   titolo   che   rebloggherò   come   al   solito )   e   questo   scritto,   eccovi   una   poesia   d’amore  di   Antonia   Pozzi,    una  poetessa   nata   a   Milano   nel   1912   e   morta   suicida   nel   1938.   Sì,   non   è   forse  il   massimo   dell’allegria   ma   tant’è.    La   sua   poesia   è   il   linguaggio   di   una   persona   che   trova  in   essa   uno   spiraglio,   un   modo   per   liberare   l’animo  da   un’oppressione   che   pur   tuttavia   non   le   lascerà   scampo ,  portandola   addirittura   al   suicidio.    L’  amore   per   il   suo   professore   di   latino   e   greco,   osteggiato   in   tutti   i   modi   possibili   da   un   padre   che   alla   sua   morte,   scandalosa   all’epoca,   manipolerà   addirittura   le   sue   poesie,   l’accompagnerà   per   tutta   la   vita,   anche   se   vivrà   altre    storie   e   momenti.   Mi   piacciono   i   suoi versi,   e   per   questo   vi   regalo …

L’allodola

Dopo   il   bacio  –   dall’ombra   degli   olmi

sulla   strada   uscivamo

per   ritornare :

sorridevamo   al   domani

come   bimbi   tranquilli.

Le   nostre   mani

congiunte

componevano   una   tenace

conchiglia

che   custodiva

la   pace.

Ed   io   ero   piana

quasi   tu   fossi   un   santo

che   placa   la   vana

tempesta

e   cammina   sul   lago.

Io   ero   un   immenso

cielo   d’estate

all’alba

su   sconfinate

distese   di   grano.

Ed   il   mio   cuore

una   trillante   allodola

che   misurava

la   serenità.

Antonia   Pozzi

 

A   presto

 

 

Annunci