La   danza   si   sa,  è   una   vera   e   propria   forma   di    comunicazione   che   attraverso   il   movimento   racconta  delle  storie,  a   volte   allegre,   altre   volte   tristi,   persino   tragiche.  E’  come   raccontare   una   favola   facendo   uso   dell’espressione   del   corpo,   proprio   come   avviene   ad   esempio   nelle   sequenze   di   vecchi    film   muti,   dove   gli   attori   raccontano   storie   e   sentimenti   senza   usare   le   parole,  ma   usando   soltanto   i   gesti   e   le   espressioni   dei   loro   volti…

La  danza   è   probabilmente   la   prima   forma   d’espressione  che   l’uomo   abbia   sperimentato.

 

percorsoirc.blogspot.it

Per    gli   uomini   primitivi   la   danza   era   parte   di   un    rito,     serviva   a   entrare   in   contatto   con   la   divinità,   per   conquistare   la   sua   benevolenza,   per   assicurarsi   il   raccolto,   per   guarire   dalle   malattie.   La    religione   cristiana   per   un   lungo   periodo,   considerò   la   danza   peccaminosa,   perchè   metteva   troppo   in   evidenza   il   corpo.   Per   questa   ragione    venne   allontanata   dal   rito   religioso,   ma   continuò   ad   essere   praticata   da   artisti   girovaghi,   mimi,  saltimbanchi.

La   danza   nel   Rinascimento

Nella   vita   sociale,   la   danza   ricompare   all’epoca   delle   grandi   corti   rinascimentali ,  dove   diventa   un  modo   per   comunicare   e   dove   è   sempre   presente   come   intrattenimento   durante   gli   spettacolari   incontri   che   venivano   organizzati   dai   signori   per  motivi  politici,   per   celebrare   matrimoni  e   per   mostrare  la   propria   ricchezza   e   il   proprio   potere.  Le   rappresentazioni   di  quel   tempo   erano   un   misto   di   recitazione,   musica   e   danza,   con   grande   sfoggio   di   stravaganti   costumi.   E   se   le   vesti,   da   un   lato   servivano   alla   narrazione,   perchè   consentivano   al   pubblico   di   riconoscere   i   personaggi   (   le   storie   spesso   si   ispiravano   ai   miti   dell’antichità   classica   o   a   temi   naturali,   come   le   stagioni),   dall’altro,   essendo   ingombranti   e   pesanti,   limitavano   i   movimenti.

http://www.parados.it

I   balletti   di   corte   erano   interpretati   dagli   aristocratici   e   dai   reali   nelle   sale   e   nei   giardini   dei   loro   palazzi.   Le   danze   erano   un’occasione   per   animare   la   vita   di   corte   e   per   sviluppare   i   rapporti   sociali.   Saper   danzare   diventa   proprio   allora   una   qualità   necessaria   ed   entra   a   far   parte   dell’educazione   dei   nobili   fin   dall’infanzia.   E’   proprio   nel   Rinascimento   che   nasce   la   figura   del   maestro   di   danza   professionale   che,   a   corte,   inventa   e   organizza   i   grandi   balli,   mentre   in   privato   insegna   i   passi,   i   gesti,   le   giravolte   e   gli   inchini.  Uno   dei   maestri   più   famosi   dell’epoca   fu   Guglielmo   Ebreo   da   Pesaro,   che   a   metà   del   Quattrocento   nel   suo   trattato  ” De   pratica   seu   arte   tripudii   vulgare   opusculum”   ,   codificava   le   sei   qualità   del   perfetto   danzatore.   Eccole  :

1)     misura  (  abilità   di   misurare   il   tempo)

2)   maniera  (  coordinamento   dei   movimenti )

3)   memoria (  capacità   di   ricordare   i   passi   imparati )

4)   ” partire”   del   terreno (   cioè   saper   misurare   le   distanze  e   lo   spazio   per   danzare )

5)   ”aire”  (   ovvero   il   modo   di   presentarsi   sulla   scena)

6)   movimento   corporeo  (  nonchè  modo   perfetto   di   danzare )

http://www.turindamsreview.it

La   presenza   del   maestro   di   danza   che   segue   l’allievo,   implica   la   memorizzazione   dei   movimenti   e   dei   passi,   che   da   quel   momento   furono   codificati   e   basati   su   regole   ben   precise:   la   danza   di   corte   non   si   basò   più     sull’improvvisazione,   ma   diventò   la   palestra   di   una   tecnica   sempre   più   raffinata.  Nella  diffusione  della  danza  professionale  ebbe  fondamentale  importanza  l’istituzione  della  prima  scuola  di  ballo  per  i  nobili,   fondata   a   Milano  nel  1545.  E’  proprio  in   quella   scuola   che   si   formarono   i   primi   grandi   ballerini   e   coreografi   professionisti,   fra   cui   Baldassarino   da   Belgioioso.   Il   suo   nome   è   legato   al   primo   balletto   di   cui   abbiamo   la   coreografia,   la   musica   e   il   libretto   originale,   cioè   ”Le   Ballet   Comique   de   la   Royne”,   rappresentato   a   Parigi   il   15   ottobre   1581   nel   salone   del   palazzo   del   Duca   di   Borgogna,   in   occasione   del   matrimonio  del   duca   di   Joyeuse   con   Margherita   di   Vaudemont.   Belgioioso,   autore   della   coreografia,   ebbe   l’incarico   di   allestire   tutto   il   mastodontico   spettacolo,   (   durato   ben   cinque   ore  e   mezza )   in   cui   si   mischiavano   recitazione,   musica,   canto   e   danza.

 

http://www.ilgiornale.it  Luigi  XIV

Quando   Luigi   XIV  salì   al   trono   di   Francia   il   balletto   fu   molto   valorizzato:   il   sovrano   era   un   grande   appassionato   di   danza   e   anche   un   abile   ballerino.   Il   suo   soprannome   Re   Sole   deriva   dal   fatto   che   durante   gli   spettacoli   ai   quali   partecipava   indossava   le   insegne   del   Sole.   Il   sovrano   fondò,   nel   1661,   l’Académie   Royale   de   la   Danse,   e   nel   1672,   la   Scuola   Nazionale   di   Danza.   E   fu   proprio   il   primo   direttore   dell’Académie,   Charles   Louis   Beauchamps,    a   codificare   le   cinque   posizioni   dei   piedi   e   l’uso  dell‘en   dehors   che   è   la   base   della   danza   classica.   Nasce   così   la   distinzione   tra   danzatori   professionisti   e   danzatori   ”amatoriali”,   per   i   quali   raggiungere   il   livello   richiesto   dai   maestri   e   dai   coreografi   divenne   impossibile.

La   recitazione,   il   balletto   e   l’opera   si   stavano   quindi   sviluppando   in   maniera   indipendente   l’una   dall’altra,   come   singole   discipline,   sebbene   alla   fine   del   Seicento   risalga   anche   la   nascita  dell‘opéra-   ballet,   uno   spettacolo   ibrido   in   cui   danza   e   canto   avevano   la   stessa   importanza.   Con   i   primi   ballerini   professionisti   la   danza   si   spostò   dalle   corti   ai   teatri   pubblici.   Un   aiuto   in   tal   senso   venne   dal   compositore   italiano   Lulli   (   naturalizzato   francese   come   Jean   Baptiste   Lully ),   che   fu   nominato   direttore   dell‘Académie   e   Maitre   de  la   musique   Royale.

http://www.sapere.it   Jean  Baptiste  Lully

Nel   1681   va   in   scena   ”Il   trionfo   dell’Amore”,   il   primo   balletto   a   cui   partecipano   ballerine   professioniste  (   fino   ad   allora   i   ruoli   femminili   erano   sempre   stati   interpretati   da   uomini  ).   Questa   rimane   una   data   storica   per   il   balletto,   perchè   ciò   implicò   una   grande   trasformazione   nell’esecuzione   dei   passi.   Questo   contribuì   a   far   nascere   una   vera   e   propria   competizione   tra   ballerini   e   ballerine,   e   costrinse   i   solisti   a   ricercare   passi   sempre   più   complicati   per   mettersi   in   evidenza.

Mentre   le   rappresentazioni   pubbliche  erano   sempre   più   frequenti,   le   feste   di   corte   iniziarono   a   scomparire.   Anche   i   nobili   iniziarono   ad   andare   a   teatro   come   semplici   spettatori,   seguendo   l’esempio   di   Luigi   XIV,   che   spesso   si   recava   nei   teatri   pubblici.

Il   XVIII   secolo

Nel   XVIII   secolo   si   sentì   il   bisogno   di   abbinare   alla   coreografia   una   storia   che   gli   spettatori   potessero   seguire.   Nello   stesso   periodo   le   danzatrici   che   avevano   imparato   il   mestiere   nelle   Accademie,   divennero   più   richieste   dei   danzatori   e   la   danza   cominciò   a   conquistare   sia   la   gente   comune   che   gli   intellettuali.

http://www.pinterest.com   la  danzatrice  Marie  Anne  de  Cupis  de  Camargo  ritratta  da  Nicholas  Lancret  (  1730  )

In   linea   con   la   tendenza   illuministica   a   organizzare   il   sapere,   il   maestro   di   danza   Raoul   Auger   Feuillet      pubblicò   due   saggi,   Choréographie  (  coreografia )   e   l’Art  de   décrire   la   Danse (  l’arte   di   descrivere   la   danza ),   in   cui   spiegava   le   cinque   posizioni   di   base   e   molti   passi,   tra   i   quali   il   plié,   il   glissé,   la   cabriole,   proponendo   un   sistema   per  ” scrivere”   le   coreografie.

Il   perfezionamento   del   pianoforte   da   parte   di   Bartolomeo   Cristofori  ( 1711)   dette   un’ulteriore   spinta   allo   sviluppo   della   disciplina   e   consentì   alle   Accademie   di   formare   sempre   più   abili   danzatori.   Nel   1760   Jean   Georges   Noverre   pubblicò   il   trattato   Lettere   sulla   danza,   nel   quale   sottolineò   il   forte   legame   tra   danza,   musica,  scenografia;   criticò   l’uso   dei   costumi   scomodi  (  quelli  rigidi,  con   le   sottogonne   armate   di   cerchi,   molto   usate   all’epoca,   e   delle   calzature   con   tacco   alto   talvolta   anche   a   spillo.

sonata a tre  (  anonimo  XVIII  secolo  )  it.wikipedia.org

Fonte  ”Il   grande   libro   della   Danza”   Roberto   Baiocchi   (  ballerino-  coreografo   perfezionatosi   al   Centre   De   Danse   International   Rosella    Hightower   di   Cannes  )

Annunci